Vote for me!

4.07.2014

Yves Saint Laurent


Directed by/ Diretto da Jalil Lespert
Produced by/ Prodotto da Wassim BéjiYannick Bolloré
Music by/ Musiche di  Ibrahim Maalouf
Starring / Interpreti  Pierre Niney, Guillaume GallienneCharlotte LebonLaura SmetMarie de Villepin, Xavier LafitteNikolai KinskiJudi BeecherRani BheemuckRuben AlvesAnne AlvaroMarianne BaslerJanicke AskevoldAstrid WhettnallJeanne DandoyMichèle GarciaYvonne Gradelet
Cinematography by / Fotografia di Thomas Hardmeier
Editing by / Montaggio di  François Gédigier
Release date 8th January 2014 (USA), 27th March 2014 (Italy)Uscita 8 Gennaio 2014 (Stati Uniti), 27 Marzo 2014 (Italia)
Running time 100 minutes Durata  100 minuti
Language  French Lingua Francese 

After waiting months, "Yves Saint Laurent" has been finally released! Another film will be dedicated to the designer, but only this one has been authorized by Pierre Bergé.
While I was watching the trailer for the first time, I suspected they would have omitted his childhood years, and begun with the Dior ones. I was right, but, unlike in this one, at least here we can have an idea of how his family was like before he began to work as the head designer of Dior.
I think the movie can be split in two parts. The first part is about a humble, and shy hard-worker with an incredible talent in the haute couture world, in the second one Yves realizes prêt-à-porter suits the society best, and loses control.
If you have already watched "Yves Saint Laurent - L'amour Fou", this movie seems quite accurate, since it makes visible what Bergé talks about in the documentary. All the main characters are present, such as Pierre Bergé, Victoire Doutreleau, Loulou de la Falaise, Betty Catroux, Jacques De Bascher. "Yves Saint Laurent" also includes real interviews, and a few of his quotes. I don't know if this is due to Yves' sexual orientation, but in many scenes the attention is drawn onto male bodies.
The first thing person I fell in love with was Pierre Niney. His elegance is disarming. He is the perfect actor to interpret the designer. They really look alike both aesthetically and temperamentally. He evolved with his character throughout the story.
The other character I appreciated the most is Victoire (Charlotte Lebon), one of his muses. She is gorgeous, vain, and feminine. Actually, I loved everything about the first part of the movie. It was so beautiful I felt like I was about to cry.
I didn't like the second one. Seeing a genius like Yves waisting his life made me feel sad, hearing Bergé telling about this horrible time they went through was enough.
I would have liked to see some more fashion shows, and "L'Amour Fou" is still my favourite but, overall, I liked this movie. 
Have you already watched this? If so, what do you think?
-
Dopo mesi d'attesa, finalmente"Yves Saint Laurent" è uscito! Un altro film verrà dedicato al designer, ma solo questo è stato autorizzato da Pierre Bergé.
Mentre stavo guardando il trailer per la prima volta, temevo che avrebbero omesso gli anni della sua infanzia e iniziato da quelli da Dior. Avevo ragione, ma, a differenza di questo, almeno qui possiamo avere un'idea di come fosse la sua famiglia prima che iniziasse a lavorare come direttore creativo di Dior.
Credo che il film possa essere diviso in due parti. La prima parte racconta di un umile e timido grande lavoratore con un talento incredibile nel mondo dell'alta moda, nella seconda Yves realizza che il prêt-à-porter fosse più adatto alla società e perde il controllo.
Se avete già guardato "Yves Saint Laurent - L'amour Fou", questo film sembra molto preciso, visto che rende visibile quello di cui Bergé parla nel documentario. Tutti i personaggi principali sono presenti, come Pierre Bergé, Victoire Doutreleau, Loulou de la Falaise, Betty Catroux, Jacques De Bascher. "Yves Saint Laurent" include anche vere interviste e alcune delle sue citazioni. Non so se questo sia dovuto all'orientamento sessuale di Yves, ma in molte scene l'attenzione è focalizzata su corpi maschili.
La prima cosa persona di cui mi sono innamorata è stato Pierre Niney. La sua eleganza è disarmante. È l'attore perfetto per interpretare il designer. Si assomigliano molto sia esteticamente che caratterialmente. Evolve con il suo personaggio durante la storia.
L'altro personaggio che ho apprezzato di più è Victoire (Charlotte Lebon), una delle sue muse.
È bellissima, vanitosa e femminile. A dire il vero, mi è piaciuto moltissimo tutto della prima parte del film. Era così bello che mi sentivo come se stessi per piangere.
Non mi è piaciuta la seconda. Vedere un genio come Yves buttarsi via mi ha rattristato, ascoltare Bergé raccontare questo periodo orribile che avevano passato era abbastanza.
Mi sarebbe piaciuto vedere più sfilate e "L'Amour Fou" è ancora il mio preferito, ma, complessivamente, ho apprezzato questo film.
L'avete già guardato? Se sì, che ne pensate?

1 comment:

  1. Non mi aveva entusiasmato dai trailer.

    ReplyDelete